BLEFAROPLASTICA

La chirurgia estetica delle palpebre, nota anche come blefaroplastica, è una procedura chirurgica ideata per eliminare le ernie adipose palpebrali, superiori e inferiori oltre alla cute palpebrale in eccesso. La blefaroplastica può essere eseguita sulle palpebre superiori (blefaroplastica superiore) o sulle palpebre inferiori (blefaroplastica inferiore), o su entrambe nella stessa seduta operatoria (blefaroplastica totale) utilizzando varie tecniche a seconda del caso clinico.

Con il passare degli anni la perdita di tono ed elasticità della cute, non risparmia la zona perioculare. Questi segni di invecchiamento influiscono anche sugli occhi, rendendo quel tipico sguardo affaticato, stanco, vecchio, e anche un po’ arrabbiato. Con l’età i muscoli perioculari riducono il loro tono, così come la cute palpebrale perde elasticità e tende ad avvizzire. Questo processo favorisce l’erniazione delle ernie adipose che, tanto nella palpebra superiore quanto in quella inferiore, producono l’aspetto della tipica “borsa” Quest’ultima condizione è comunemente conosciuta con l’espressione di "borse agli occhi" e può non solo farvi sembrare più vecchi, ma avere anche un effetto di riduzione del campo visivo, per l’effetto “tenda da sole” dovuto alla flaccidità della cute della palpebra superiore.

Se sono interessate sia le palpebre superiori che quelle inferiori, è possibile ricorrere alla blefaroplastica in un unico intervento. La blefaroplastica è consigliata alle persone che vorrebbero apparire più giovani della loro età reale, e con uno sguardo più acceso e più riposato.

Blefaroplastica - Candidato idoneo

Ciascuna condizione o qualsiasi combinazione delle condizioni seguenti indica che si può essere considerati dei buoni candidati per la blefaroplastica:

  • Eccesso di pelle che si sovrappone e nasconde la piega naturale delle palpebre superiori
  • Pelle flaccida che pende dalle palpebre superiori, e compromette la visione
  • Aspetto gonfio delle palpebre superiori, che provoca i caratteristici occhi stanchi
  • Eccesso di pelle e rughe a forma di "carta crespata " delle palpebre inferiori
  • Borse e occhiaie sotto gli occhi
  • Abbassamento della palpebra inferiore

La blefaroplastica di solito può correggere questi problemi, anche se possono essere considerati anche altri trattamenti. Seguono alcuni esempi. Se la condizione della palpebra superiore è accompagnata da cedimenti delle sopracciglia, può essere raccomandato anche un lifting della fronte. Il trattamento delle zampe di gallina può essere realizzato con la tossina botulinica, peeling chimico o procedure di ringiovanimento viso con laser. Le occhiaie causate dalla pigmentazione scura possono essere trattate con filler con acido ialuronico o grasso autologo. Il chirurgo plastico è in grado di fornire informazioni aggiuntive se mostrate interesse in una di queste ulteriori procedure.

Blefaroplastica - Risultati

La blefaroplastica ha l'effetto di rendere un aspetto più riposato, giovanile e sveglio. Dal momento che il processo di guarigione è graduale, si dovrebbero attendere almeno diverse settimane per avere un quadro preciso dei risultati della blefaroplastica. Le incisioni si risolveranno in cicatrici sottilissime diventando nel corso di qualche mese a malapena visibili. I risultati della blefaroplastica  sono in genere di lunga durata, ma possono essere influenzati da fattori ereditari e di stile di vita. La rimozione del grasso dalle palpebre, che è di solito la causa di gonfiori e borse agli occhi, è permanente, e queste condizioni in genere non si ripetono.
La pelle continua ad invecchiare, tuttavia, e la lassità cutanea e le rughe della zona palpebrale possono ad un certo punto ripresentarsi.
A volte la perdita di tono della fronte provoca ulteriore cedimento delle sopracciglia, che imita il ripetersi della caduta delle palpebre superiori. In questo caso, la correzione può richiedere un lifting della fronte o una procedura di blefaroplastica secondaria. Anche se il processo di invecchiamento continua, i pazienti sono generalmente soddisfatti del loro aspetto per molti anni a seguito della blefaroplastica. Alcuni pazienti possono desiderare di fare ulteriori miglioramenti in un secondo momento.

Blefaroplastica - Consulto con il chirurgo

Durante la prima visita, il chirurgo vi chiederà di guardare in uno specchio e di indicare il punto esatto che vorreste vedere migliorato. Questo aiuterà il vostro chirurgo plastico a capire le vostre aspettative e determinare se possono essere realisticamente raggiunte.

Dovreste venire alla consultazione pronti a discutere la vostra storia medica, inclusi eventuali interventi chirurgici precedenti, condizioni mediche passate e presenti e farmaci che attualmente asumendo. È importante per voi fornire informazioni complete. Pressione alta, problemi di tiroide, diabete, ecc dovrebbero essere riesaminati in quanto queste patologie possono aumentare alcuni rischi associati alla blefaroplastica.

Il chirurgo plastico vorrà sapere se avete allergie, soprattutto se riguardano gli occhi. Egli può chiedervi se avete mai provato a mettere le lenti a contatto e se siete riusciti a portarle.

Sarà necessario per il vostro chirurgo sapere vi è mai stato detto da un oculista che soffrite di una condizione chiamata "occhio secco" o se avete altri problemi con i vostri occhi.

Blefaroplastica - Intervento

Si possono utilizzare diverse tecniche chirurgiche di blefaroplastica per migliorare l'aspetto delle palpebre. La particolare tecnica che il chirurgo plastico raccomanda dipenderà da molti fattori, come la quantità di grasso e pelle in eccesso nelle zone della palpebra, la posizione delle sopracciglia e la condizione dei muscoli intorno alle palpebre. A causa di fattori individuali, non tutti potranno raggiungere gli stessi risultati con l'intervento di blefaroplastica. Il vostro chirurgo plastico sceglierà la tecnica chirurgica che ritiene otterrà il miglior risultato per voi.

Blefaroplastica superiore

La blefaroplastica superiore viene utilizzata per migliorare due delle problematiche più comuni. La prima riguarda l'eccesso di pelle che affligge la palpebra superiore, problema che viene spesso associato al cosiddetto "sguardo dell'incappucciato." L'altra problematica che la blefaroplastica superiore migliora è il gonfiore al centro e all'angolo interno della palpebra superiore. Questo problema è causato in genere da ernie di grasso. Dal momento che questi difetti palpebrali possono influenzare anche la vista, si può concludere che la blefaroplastica superiore viene utilizzata sia per migliorare l'aspetto estetico dello sguardo in generale che per correggere eventuali problemi connessi alla visione.

Nell'intervento chirurgico di blefaroplastica superiore, in genere l'incisione viene nascosta all'interno della piega naturale della palpebra superiore e si estende leggermente oltre l'angolo esterno lungo le linee del sorriso o di altre pieghe esistenti. Attraverso questa incisione l'eccesso di pelle e tessuto adiposo vengono rimossi. Poiché l'incisione segue il contorno naturale della palpebra superiore, di solito è poco appariscente.

Blefaroplastica inferiore

La blefaroplastica inferiore viene eseguita al fine di eliminare il gonfiore localizzato nella palpebra inferiore. Questo gonfiore è ciò che molte persone riferiscono come "borse agli occhi" in quanto appare proprio sotto gli occhi. Le borse agli occhi sono causate da un accumulo in eccesso di grasso e cute che può a suo volta derivare da diversi fattori, tra cui il principale è quello dell'invecchiamento. Il soggetto che soffre di un accumulo di grasso e pelle intorno alla zona del contorno occhi appare sempre stanco, affaticato, e sembra più vecchio. La blefaroplastica inferiore restituisce un aspetto riposato, vigile, e decisamente più giovane.

Nella chirurgia della blefaroplastica inferiore spesso l'incisione viene nascosta appena sotto le ciglia inferiori. Attraverso questa incisione l'eccesso di pelle, muscolo e grasso vengono rimossi, oppure il grasso può essere ridistribuito per ringiovanire il naturale contorno orbitario inferiore. Possono essere eseguite procedure accessorie al fine di correggere problemi particolari, come la lassità dei muscoli. Come nella blefaroplastica superiore, il posizionamento dell' incisione nelle linee della piega naturale consente alla cicatrice di guarire di solito in maniera poco visibile. In alcuni casi, con il vostro chirurgo potrete decidere se il miglior approccio per eliminare il grasso in eccesso è attraverso un'incisione posta all'interno della palpebra inferiore. Questa tecnica non richiede alcuna incisione esterna, ma non può essere usata per rimuovere l'eccesso di pelle. Un laser può talvolta essere utilizzato in combinazione con questo metodo per ridonare tensione alla cute della palpebra inferiore.

Blefaroplastica - Rischi

Fortunatamente le complicazioni significative della blefaroplastica non sono frequenti. Ogni anno molte migliaia di persone si sottopongono alla blefaroplastica con successo, senza avvertire alcun problema di fondo.

Il tema dei rischi e delle potenziali complicanze della blefaroplastica viene discusso su una base personale tra voi ed il vostro chirurgo. I rischi nella maggior parte degli interventi chirurgici sono simili. Alcune delle possibili complicanze che possono essere discusse riguardano gli ematomi, le infezioni, le alterazioni della sensibilità, le cicatrici, le reazioni allergiche, i danni alle strutture sottostanti, il bisogno di revisioni, i rischi sanitari e i risultati insoddisfacenti che eventualmente richiedono procedure addizionali.
Dopo l'intervento chirurgico di blefaroplastica ci può essere una sensazione di secchezza o irritazione nell'occhio che richiede un trattamento locale. C'è la possibilità di una compromissione della funzione palpebrale che a volte potrebbe essere necessario correggere con un ulteriore intervento chirurgico.

È possibile ridurre al minimo determinati rischi seguendo i consigli e le istruzioni del vostro chirurgo plastico, sia prima che dopo la blefaroplastica.

Blefaroplastica prima e dopo intervento

L'obiettivo del chirurgo plastico è quello di rendere la vostra esperienza chirurgica più semplice e gradevole possibile.

Se siete fumatori è altamente consigliato smettere di fumare con largo anticipo prima dell' intervento di blefaroplastica. Il fumo può compromettere la capacità di guarire. L'aspirina e alcuni farmaci anti-infiammatori possono causare maggiore sanguinamento, quindi si dovrebbe evitare di prendere questi farmaci per un periodo di tempo prima dell'intervento di blefaroplastica. Il chirurgo vi fornirà ulteriori istruzioni preoperatorie.

La blefaroplastica viene di solito eseguita su base ambulatoriale. Se questo è il caso, assicuratevi di avere qualcuno che vi possa riaccompagnare a casa dopo l'intervento chirurgico di blefaroplastica e che rimanga con voi per le successive 24 ore.

Blefaroplastica - Giorno dell’intervento

Il giorno della blefaroplastica vengono somministrati dei farmaci per garantire il vostro benessere durante la procedura chirurgica. Spesso viene utilizzata l'anestesia locale o la sedazione endovenosa per i pazienti sottoposti a blefaroplastica, ma talvolta può essere utile ricorrere all'anestesia generale. Per ragioni di sicurezza del paziente durante l'operazione di blefaroplastica vengono utilizzati vari monitor per controllare il cuore, la pressione arteriosa, il polso e la quantità di ossigeno circolante nel sangue.

Quando l'intervento è completato, sarete portati in una zona di recupero dove continuerete ad essere attentamente monitorati. La vostra visione sarà sfocata a causa di un unguento usato per lenire e proteggere l'occhio durante l'intervento chirurgico di blefaroplastica, nonché dal gonfiore che è una normale conseguenza dell'intervento. I disagi dovuti alla blefaroplastica comunque dovrebbero essere molto contenuti.

Probabilmente vi sarà permesso di tornare a casa dopo un breve periodo di osservazione, sebbene alcuni pazienti possano pernottare in ospedale o nella struttura chirurgica.

Blefaroplastica - Periodo di guarigione

È importante rendersi conto che la quantità di tempo necessario per il recupero varia notevolmente da individuo a individuo.

I primi giorni dopo l'intervento chirurgico di blefaroplastica si dovrebbe riposare tranquillamente con la testa sollevata. Il chirurgo può richiedere di applicare impacchi freddi alle palpebre. Ricordate di non prendere l'aspirina o altri farmaci anti-infiammatori. Inizialmente, si può sentire una sensazione di tensione attorno agli occhi e qualche leggero disagio che può essere tenuto sotto controllo con dei farmaci per via orale. Durante le prime 48 ore dopo la blefaroplastica i pazienti lamentano gonfiore e lividi di diverso grado. Alcuni pazienti possono avere un lieve gonfiore che persiste per alcune settimane, mentre altri vedono il gonfiore risolversi in meno di una settimana. I lividi scompaiono in genere entro sette-dieci giorni dall'intervento di blefaroplastica. Dopo la prima settimana o poco più vi sarà consentito di usare il trucco per nascondere qualsiasi eventuale ecchimosi temporanea della pelle. I punti vengono solitamente rimossi entro una settimana dall'intervento di blefaroplastica.

La visione può essere un po' sfocata per alcuni giorni dopo l'intervento, mentre gli occhi possono essere temporaneamente sensibili alla luce, con eccessiva lacrimazione o al contrario manifestare secchezza. Alcuni chirurghi plastici consigliano di mettere un collirio per contribuire ad alleviare il prurito o il bruciore. Si consiglia di indossare occhiali da sole scuri per un paio di settimane per proteggere gli occhi da irritazioni dovute al vento e al sole.

Sforzi, piegamenti e sollevamenti dovrebbero essere evitati durante il primo periodo post-operatorio. Comunque le normali attività quotidiane potranno essere riprese solitamente entro un breve tempo, circa una decina di giorni dopo la blefaroplastica. Anche se aveste voglia di tornare al lavoro pochi giorni dopo l'intervento di blefaroplastica, la visione potrebbe essere ancora un poco sfocata, rendendo la lettura di documenti o altro difficoltosa.

Blefaroplastica - Costo

I costi della blefaroplastica variano ampiamente, e spesso dipendono dall'esperienza del chirurgo e da altri fattori. In sintesi essi possono variare in base a:

  • Compenso professionale del chirurgo
  • Struttura operatoria
  • Anestesia
  • Farmaci
  • Esami medici

Mantenere i rapporti con il vostro chirurgo plastico

Il chirurgo plastico vi dirà quando ripresentarvi, ad intervalli regolari, per i successivi follow-up, al fine di valutare i progressi fatti.

Ricordate infatti che i rapporti con il vostro chirurgo plastico non finiscono quando uscite dalla sala operatoria. Se avete domande o dubbi durante il periodo di recupero, o avete bisogno di informazioni aggiuntive in un secondo momento, è opportuno rivolgersi al chirurgo che ha effettuato il vostro intervento di blefaroplastica.

Informazioni Utili


Fine Pagina

 
Sedi Milano

I campi nome, email, messaggio e privacy sono richiesti

MESSAGGIO RAPIDO