RIDUZIONE SENO O MASTOPLASTICA RIDUTTIVA

Mastoplastica riduttiva - Introduzione

Conosciuta anche come mastoplastica riduttiva, l'intervento di riduzione del seno rimuove l'eccessiva quantità di tessuto ghiandolare adiposo e la cute sovrabbondante per raggiungere un volume mammario in proporzione con il corpo e per alleviare il disagio associato a mammelle troppo voluminose. Si tratta di un intervento di elevata specializzazione. Ridurre il volume di un seno, soprattutto se ci si confronta con mammelle molto voluminose, presenta una serie di problematiche medico chirurgiche che vanno attentamente considerate. Le tecniche per la mastoplastica riduttiva si sono evolute e modificate nel corso degli anni. Mastoplastiche riduttive a peduncolo superiore, a peduncolo inferiore, centrale. Trapianto libero del capezzolo dopo mastoplastica riduttiva in gigantomastia. Tutto questo fa comprendere come lo sviluppo eccessivo del seno e le complicanze ad esso connesse, abbiano sempre rappresentato per il chirurgo plastico una sfida di non sempre facile soluzione. Allo stesso modo, coniugare forma e volume di due mammelle ptosiche e dal volume sovrabbondante. Ridurre al minimo l'impatto e l'estensione delle cicatrici (periareolare, a T rovesciata, a L) A tutto ciò il chirurgo plastico deve fare fronte.

Seni dallo sviluppo eccessivo possono risultare per molte donne causa di problemi di natura ortopedica alle spalle ed alla schiena per via del peso eccessivo oltreché psicologici. Oltre alle questioni legate all'immagine di sé, la donna può anche sperimentare dolore mammario profondo, senso di peso e tensione innaturale della regione mammaria e conseguente disagio fisico

Le donne portatrici di un volume del seno eccessivo e pendulo possono sperimentare una varietà di problemi medici causati dal peso eccessivo: dai dolori alla schiena e al collo, a irritazione cronica della cute mammaria, specialmente in corrispondenza dei solchi mammari, alterazioni scheletriche fino allo sviluppo di vere e proprie deformità e problemi respiratori. Le spalline del reggiseno possono lasciare dei segni più o meno importanti sulle spalle.

Il peso del tessuto mammario in eccesso può compromettere la capacità di condurre una vita attiva. Il disagio emotivo e una percezione alterata del proprio sé ,spesso associata ad un seno troppo grande e cadente, costituiscono un problema importante per molte donne, tanto quanto il disagio fisico e il dolore.
La mastoplastica riduttiva  è stata pensata per queste donne. Attraverso la rimozione  del grasso, del tessuto ghiandolare, e della cute mammaria in eccesso, la mastoplastica riduttiva rende i seni più piccoli, più leggeri e più tonici. Questo intervento permette di ridurre le dimensioni dell'areola, l'area di cute più scura che circonda il capezzolo. L'obiettivo è quello di restituire alla donna un seno di dimensioni più ridotte e di forma più bella e armoniosa, in proporzione con il resto del corpo.

Mastoplastica riduttiva – Le migliori candidate

Obiettivo della mastoplastica riduttiva è quindi non solo il miglioramento estetico di un seno troppo voluminoso, ma anche un vero e proprio sollievo fisico ottenuto riducendo il carico di due mammelle eccessivamente pesanti sul corpo. La maggior parte delle donne che si vogliono sottoporre a mastoplastica riduttiva sono turbate dalla grandezza e dalla flaccidità dei seni che limitano le loro attività e causano il loro disagio fisico.
Nella maggior parte dei casi, la mastoplastica riduttiva non viene eseguita fino a sviluppo del seno ultimato. Tuttavia, può essere in casi selezionati praticata prima della maggiore età se il volume mammario eccessivo sta causando gravi disagi fisici. Le migliori candidate sono donne che sono sufficientemente mature per comprendere appieno la procedura di mastoplastica riduttiva e hanno aspettative realistiche riguardo ai risultati. La mastoplastica riduttiva può ridurre la capacità di allattare al seno.

L'intervento di mastoplastica riduttiva è una procedura chirurgica elettiva di alta specializzazione, volta al raggiungimento di un benessere personale e  non per cercare di adattarsi a qualsiasi tipo di immagine ideale.

In definitiva, la mastoplastica riduttiva è una buona opzione se:

  • siete fisicamente in buona salute
  • avete aspettative realistiche
  • non fumate
  • siete infastidite dalla sensazione che il seno sia troppo grande
  • il seno limita l'attività fisica
  • avete dolori a schiena, collo e spalle causati dal peso del seno
  • avete segni evidenti dovuti alle spalline del reggiseno che supportano seni pesanti e pendenti
  • soffrite di irritazione e macerazione della cute soprattutto a livello del solco sottomammario
  • i seni risultano ptosici
  • i capezzoli appaiono al di sotto di una linea ideale passante a livello del solco sottomammario
  • avete areole mammarie dalla circonferenza eccessiva

Tutta la chirurgia comporta qualche incertezza e rischio

La mastoplastica riduttiva è un intervento di elevata specializzazione, ma è normalmente sicuro, quando eseguito da un chirurgo plastico qualificato. Tuttavia, come con qualsiasi intervento chirurgico, esiste sempre la possibilità di complicanze, come ad esempio la possibile formazione di ematomi, le infezioni, o una reazione all'anestesia. È possibile ridurre i rischi seguendo strettamente il consiglio del vostro chirurgo prima e dopo l'intervento chirurgico.
Il successo e la sicurezza dell'intervento di mastoplastica riduttiva dipende fortemente dalla franchezza con la quale affronterete la consultazione con il vostro chirurgo. Vi verranno fatte una serie di domande sulla vostra salute, aspettative e stili di vita.

Siate pronte a discutere:

  • del perché desiderate sottoporvi all'intervento di mastoplastica riduttiva, quali sono le vostre aspettative ed il risultato che auspicate
  • le condizioni mediche, eventuali allergie a farmaci e trattamenti farmacologici in corso
  • l'uso di farmaci che state assumendo, vitamine, integratori, alcool, tabacco
  • eventuali precedenti interventi chirurgici
  • storia familiare di neoplasie mammarie e risultati di eventuali biopsie o mammografie precedenti

Il chirurgo può anche:

  • valutare il vostro stato di salute generale ed eventuali pre-esistenti condizioni o fattori di rischio
  • esaminare il seno, ed effettuare le misurazioni dettagliate delle sue dimensioni e forma, qualità della pelle, posizionamento dei capezzoli e delle areole
  • scattare fotografie per la vostra cartella clinica
  • discutere le opzioni e raccomandare un ciclo di trattamento
  • discutere i prevedibili risultati probabili della vostra procedura di mastoplastica riduttiva e gli eventuali rischi o complicanze potenziali
  • discutere delle procedure di anestesia in corso di mastoplastica riduttiva

Mastoplastica riduttiva - Rischi

La decisione di sottoporsi ad un intervento di mastoplastica riduttiva è estremamente personale. Si dovrà decidere se i benefici possono raggiungere gli obiettivi che vi siete prefissati e se i rischi della  mastoplastica riduttiva e le potenziali complicanze sono da considerarsi accettabili.

Il vostro chirurgo plastico vi spiegherà nel dettaglio i rischi associati con l'intervento chirurgico di mastoplastica riduttiva. Vi verrà chiesto di firmare i moduli di consenso per garantire che abbiate compreso appieno la procedura a cui sarete sottoposte e gli eventuali rischi o complicazioni potenziali.

I rischi della mastoplastica riduttiva e le complicanze associate alla riduzione del seno includono:

  • alterazione dei processi di cicatrizzazione
  • infezione
  • alterazione nella sensibilità del capezzolo o della mammella, che può essere temporanea o permanente
  • rischi legati all'anestesia
  • sanguinamento (ematoma)
  • ritardo di guarigione delle ferite
  • irregolarità del profilo e della forma del seno
  • discromie cutanee, alterazioni della pigmentazione permanenti, gonfiore e tumefazione
  • asimmetria del seno
  • formazione di sieromi
  • eccessiva rigidità del seno
  • potenziale riduzione della capacità di allattare al seno
  • rischio di necrosi cutanea
  • potenziale rischio di necrosi parziale o totale del capezzolo e dell' areola
  • trombosi venosa profonda, complicanze cardiache e polmonari
  • dolore, che può essere persistente
  • allergie ai materiali di sutura, preparati per uso topico o agenti iniettabili
  • liponecrosi (necrosi del grasso)
  • possibilità di revisione chirurgica (chirurgia secondaria)

Si deve sapere che:

  • l'intervento di mastoplastica riduttiva può interferire con alcune procedure diagnostiche
  • il piercing al seno e al capezzolo vanno rimossi prima dell'intervento
  • la capacità di allattare successiva ad una mastoplastica riduttiva può essere limitata. Rivolgetevi al medico se avete intenzione di allattare al seno
  • la procedura di mastoplastica riduttiva può essere eseguita a qualsiasi età, ma è indicato procedere a sviluppo mammario completato
  • modifiche al seno durante la gravidanza possono alterare i risultati del precedente intervento chirurgico di mastoplastica riduttiva, così come le fluttuazioni di peso significative

La medicina e la chirurgia non sono scienze esatte. Sebbene sono attesi buoni risultati, non vi è alcuna garanzia. In alcune situazioni, può non essere possibile ottenere risultati ottimali con un unico procedimento di riduzione del seno e un altro intervento di mastoplastica riduttiva può essere necessario.

Mastoplastica riduttiva – Luogo dell'intervento

Le procedure di mastoplastica riduttiva possono essere eseguite in una clinica specializzata, o in un ospedale. Il vostro chirurgo plastico e il personale di assistenza vi assisterà per garantire il vostro comfort e benessere.

Mastoplastica riduttiva - Prestare attenzione

Seguire le istruzioni del vostro medico è la chiave per il successo del vostro intervento chirurgico di mastoplastica riduttiva. È importante che le incisioni chirurgiche non siano sottoposte a trazioni eccessive, abrasione, o movimenti incongrui durante il periodo di guarigione. Il medico vi darà istruzioni specifiche su come prendersi cura di voi stessi e ridurre al minimo i rischi della mastoplastica riduttiva.
La procedura di mastoplastica riduttiva lascia cicatrici permanenti, sebbene esse saranno coperte dal reggiseno o dal costume da bagno. La mastoplastica riduttiva può anche portare ad ottenere due mammelle non del tutto simmetriche o con capezzoli irregolarmente posizionati. Un futuro allattamento al seno potrebbe non essere praticabile, dal momento che l'intervento può danneggiare in modo irreparabile buona parte dei dotti galattofori.
Alcuni pazienti possono subire una perdita o una riduzione temporanea o permanente della sensibilità ai capezzoli od alla mammella in toto. E' descritta la necrosi parziale o totale dell'areola e del capezzolo, con necessità di una loro successiva ricostruzione.

Mastoplastica riduttiva - Intervento

Le tecniche di mastoplastica riduttiva variano, ma la procedura più comune prevede un' incisione a forma di ancora che circonda l'areola, si estende verso il basso, e segue la curva naturale della piega sotto il seno. Il chirurgo rimuove l'eccesso di tessuto ghiandolare, il grasso e la pelle, e sposta il capezzolo e l' areola nella loro nuova posizione, rimodellando in questo modo forma e profilo del nuovo seno. La liposuzione può essere usata per rimuovere il grasso in eccesso dalla zona ascellare.
Nella maggior parte dei casi, i capezzoli rimangono connessi ai propri peduncoli vascolari. Tuttavia, in caso di mammelle estremamente voluminose è descritta la possibilità di asportare in toto i capezzoli e le areole e innestarli nella nuova e corretta posizione. ( Questo si tradurrà in una perdita di sensibilità del capezzolo e del tessuto areolare ).
I punti vengono solitamente dati intorno all'areola, di qui in linea verticale verso il basso, e lungo la piega inferiore del seno. In alcuni casi, possono essere utilizzate tecniche per eliminare la parte verticale della cicatrice. E talvolta, quando solo il grasso necessita di essere rimosso, la sola liposuzione può essere utilizzata per ridurre le dimensioni del seno, lasciando cicatrici minime.

Mastoplastica riduttiva – Ritorno alla normalità

La dimissione è prevista il giorno successivo l'intervento di mastoplastica riduttiva, il seno può presentare una leggera dolenzia per un paio di settimane. Si dovrebbe evitare di sollevare o spingere oggetti pesanti per tre o quattro settimane dopo l'intervento.
Il chirurgo vi darà istruzioni dettagliate per riprendere le normali attività. La maggior parte delle donne possono tornare a lavorare (se non è troppo faticoso) e alle attività sociali in circa due settimane dalla mastoplastica riduttiva. Ma avranno molto meno vigore per diverse settimane, e ciò dovrebbe limitare eventuali esercizi fisici gravosi e altre attività sportive come il nuoto fino al recupero della forma ottimale. Avrete anche bisogno di un buon reggiseno sportivo come supporto.
Vi può essere richiesto di sospendere l'attività sessuale per una settimana o più e qualsiasi contatto con il seno, salvo contatti delicati, per circa sei settimane.
Se avete sintomi insoliti, come il sanguinamento o un dolore severo, non esitate a consultare il medico.

 

Informazioni Utili


Fine Pagina

 
Sedi Milano

I campi nome, email, messaggio e privacy sono richiesti

MESSAGGIO RAPIDO