MASTOPLASTICA ADDITIVA FOTO

Mastoplastica Additiva Caso 1

PRIMA

In questa immagine, scattata prima dell'intervento, si evidenzia una mammella moderatamente ptosica, con il complesso areola capezzolo ben al di sopra del solco sottomammario Il seno si presenta "impoverito" soprattutto nel polo superiore. La paziente ha richiesto un aumento del volume mammario che arricchisse il polo superiore e migliorasse la proiezione della mammella "in toto" senza pregiudicare la naturalità del risultato finale.

DOPO

Questo il risultato finale. La vista di fronte evidenzia il riempimento dei poli mammari superiori e la risalita evidente dei complessi areola capezzolo rispetto ai solchi sottomammari. L'effetto complessivo è di grande naturalezza.

Mastoplastica Additiva Caso 2

PRIMA

La visione di profilo dimostra in maniera evidente la scarsa proiezione della mammella rispetto al torace. Una situazione anatomica quale quella mostrata in foto, costituisce una perfetta indicazione per l'utilizzo di una protesi biodimensionale cosiddetta "anatomica".

DOPO

La vista di profilo nell'immagine post operatoria dimostra l'aumento evidente della proiezione della mammella intera sul torace. Il riempimento del polo superiore risulta dolce, come in una mammella naturale. La grande risalita dei complessi areola capezzolo rispetto ai solchi sottomammari e il loro effetto di "rotazione" verso l'alto rispondono perfettamente ai desiderata della paziente. L'incisione chirurgica, praticata nel solco sottomammario, rimane perfettamente nascosta all'interno di esso.

Mastoplastica Additiva Caso 3

PRIMA

In questo secondo caso, la vista di fronte evidenzia una leggera asimmetria di forma e volume. La mammella destra si presenta di volume ridotto rispetto alla sinistra e la posizione del capezzolo risulta più bassa rispetto al capezzolo controlaterale. I poli mammari superiori si presentano quasi del tutto privi di proiezione e le mammelle in toto appaiono svuotate.

 

DOPO

La vista di fronte nell'immagine post operatoria evidenzia il mutamento radicale dell'estetica mammaria. La differenza di volume appare ridotta fino ad essere praticamente annullata. La posizione dei complessi areola capezzolo risulta corretta; essi appaiono su di una stessa linea ideale. I poli mammari superiori si presentano riempiti in maniera dolce e naturale; l'effetto più evidente appare a carico dei poli mammari inferiori. L'effetto di rotazione verso l'alto e di risalita dei complessi areola capezzolo rispetto ai solchi sottomammari rende ragione di un seno tanto florido quanto naturale.

Mastoplastica Additiva Caso 4

PRIMA

La vista di profilo evidenzia lo scarso riempimento del polo mammario superiore e la ridotta proiezione dell'intera mammella sul torace. La mammella presenta un aspetto decisamente "povero"

DOPO

La visione di profilo dell'immagine post operatoria evidenzia tre elementi. La notevole risalita del complesso areola capezzolo rispetto al solco sottomammario. Ne è prova l'aumentato sviluppo dell'arco che unisce il solco sottomammario con il margine inferiore del capezzolo. La proiezione dell'intera mammella sul torace appare nettamente aumentata. Il riempimento del polo superiore è uniforme e naturale al massimo livello. Anche in questo caso l'accesso chirurgico è perfettamente nascosto all'interno del solco mammario, l'indicazione all'impianto di una protesi bidimensionale "anatomica" è perfetta.

Mastoplastica Additiva Caso 5

PRIMA

Questa immagine preoperatoria, evidenzia due mammelle sostanzialmente simmetriche per forma e volume, carenti di proiezione e di volume nel polo superiore. Sono disegnati i profili dei solchi sottomammari.

DOPO

In questo caso, la paziente ha richiesto l'impianto di una protesi rotonda, volendo che fosse incentivato il riempimento del polo superiore. La cicatrice risulta perfettamente contenuta all'interno dei solchi sottomammari.

Mastoplastica Additiva Caso 6

PRIMA

Questa immagine di profilo ci mostra una mammella dall'aspetto gradevole, di cui la paziente richiede unicamente una correzione del volume in senso migliorativo.

DOPO

Ecco l'effetto finale. La paziente aveva richiesto l'impianto di una protesi di volume "importante" desiderando un seno prosperoso.

Mastoplastica Additiva Caso 7

PRIMA

Una mammella povera di tessuto ghiandolare/adiposo e marcatamente ptosica, pone il chirurgo davanti all'alternativa fra la mastoplastica additiva e la mastopessi. Le protesi "anatomiche" implementando il volume mammario soprattutto a carico del polo inferiore e favorendone la risalita dalla linea del solco sottomammario, permettono di trattare con successo casi come questo.

DOPO

Il risultato finale, parla chiaro I complessi areola/capezzolo sono di fatto risaliti ben al di sopra dei solchi sottomammari. L'aspetto finale è estremamente gradevole, armonioso e naturale.

Mastoplastica Additiva Caso 8

PRIMA

L'immagine pre operatoria di ¾ ben chiarisce il grado di ptosi delle mammelle.

DOPO

L'immagine post operatoria nella stessa posizione ci mostra l'estrama naturalezza del risultato raggiunto.

Mastoplastica Additiva Caso 9

PRIMA

Troviamo in questo caso una mammella il cui sviluppo è appena accennato. L'utilizzo di una protesi rotonda rende il seno correttamente proiettato e armonizzato con il torace.

DOPO

Il risultato finale nella stessa proiezione. Lo sviluppo del seno e il suo inserimento nel contesto del torace appaiono perfetti.  

Mastoplastica Additiva Caso 10

PRIMA

Questo caso evidenzia la presenza di ptosi mammaria e asimmetria, dimostrata dalla differente posizione dei complessi areola/capezzolo. L'impianto di protesi "anatomiche" aiuta nella risalita dei poli mammari inferiori.

DOPO

Il risultato finale dimostra un torace completamente rivoluzionato. Un seno florido, armonico, nel pieno rispetto di quanto desiderato dalla paziente.



Informazioni Utili di Mastoplastica Additiva

 
Sedi Milano, Trento

I campi nome, email, messaggio e privacy sono richiesti

MESSAGGIO RAPIDO

Privacy
Freccia blu: invito a spuntare la casella Privacy Leggi informativa Privacy
Promemoria sulla privacy di questo sito. Se non lo hai ancora fatto, leggi la nostra Informativa sulla Privacy allineata secondo il nuovo regolamento europeo GPDR.